Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 25-05-2015 in Prodotto

Artificiali BMC Northcraft

NorthCraft BMC 120

BMC120 è un esca polivalente, leggera, compatta, galleggiante, senza paletta e che può essere jerkata a canna bassa o recuperata linearmente applicando dei semplici cambi di velocità col mulinello, anche in pochi centimetri d'acqua.

La precisione per quest'esca è tutto.  Anche con poca pratica, la si può posizionare ovunque. Diventa addirittura divertente, farla skippare in mezzo ai massi, sugli scalini delle pareti verticali, dietro gli angoli o giusto sopra le buche; il peso contenuto ne consente un controllo semplice e reattivo nel momento in cui l'esca arriva a destinazione. 

Scodinzola costantemente un pelo sotto la superficie dell'acqua pure a bassa velocità e si trasforma in un arma micidiale quando bisogna sondare i pianori rocciosi, specie quelli esageratamente bassi, ma che la spigola predilige come appostamento di caccia.  In questo caso è consigliabile montare degli ami singoli.

Se si tratta invece di affrontare situazioni perennemente avverse, come quelle atlantiche, quando molte esche per questione di forma o grammatura leggera, entrano in difficoltà, BMC 120 è un carta che possiamo giocare: riesce a produrre un alto numero di vibrazioni, rimanendo sempre completamente immersa nonostante la presenza di onde, vento e forti correnti, imitando un cefaletto o una piccola leccia stella in difficoltà.

Ma la più importante caratteristica di quest'esca risiede nella sua struttura, nel rapporto tra peso e dimensione. La forma estremamente aerodinamica è studiata per fendere l'aria e raggiungere grandi distanze con il minimo sforzo. Se a questo si unisce il basso attrito nel recupero ne risulta la possibilità di impiegare attrezzature leggere ed un conseguente minor dispendio di energie, determinante, quando si pesca per lunghi periodi della giornata o più giorni.

Andrea Giardina