Shimano utilizza alcuni cookie temporanei, che consentono di ricordare l’utente mentre naviga sul nostro sito Web. Consentiamo inoltre a terzi (in particolare a Google) di utilizzare sui nostri siti Web i cookie analitici (sia temporanei che permanenti) al fine di raccogliere informazioni aggregate relative alle parti del nostro sito visitate più di frequente e di tenere monitorate le nostre pubblicità. Proseguendo la navigazioni accetti l'utilizzo dei cookie.

OK

Pubblicato il 28-08-2015 in Prodotto

Shimano ColtSniper in scogliera

Pescare su grandi profondità o in 7 metri d'acqua non fa molta differenza per quest'esca, le cui caratteristiche principali corrispondono alla velocità nel recupero, dimensioni compatte e versatilità d'uso.

Nell'impiego da terra, viene subito fuori la leggerezza con la quale questo jig riesce a fendere l'acqua, azzerando quasi completamente i tempi di risposta tra movimenti della canna e spostamenti in acqua dell'esca, mantenendo al contempo una vistosa e ''nervosa'' oscillazione/rotazione anche nei frangenti di recupero lineare, risultando così devastante nei confronti  di varie specie di game fish.

Accorgimento importante, sia per ridurre gli incagli dovuti al continuo contatto col fondo ed alle traiettorie oblique che l'esca disegna con i relativi ostacoli che potrebbe incontrare quando recuperata dalla costa, sia per la dimensione dei pesci che potrebbe stuzzicare, è l'impiego di un amo singolo.

Probabilmente non è un caso che per l'appunto, uno dei pesci più ''nervosi'' presenti nel sottocosta, la Ricciola, specialmente nella sua fase giovanile, vada letteralmente in tilt, quando quest'esca viene immersa nei suoi paraggi o peggio quando nei pressi è presente un branco, nel quale scatta la competizione alimentare con alta probabilità. 

Ovviamente, l'auspicio è che questi pesci tanto divertenti quanto curiosi, quando di piccola taglia come in foto, vengano restituiti al mare nell'ottica di ''poderosi combattimenti futuri''. 

Le dimensioni compatte del ColtSniper jig associate alla struttura prevalentemente piatta, ne caratterizzano ampiamente il movimento e la possibilità di personalizzazione.  Jerkate corte ad intensità variabile, fanno schizzare letteralmente l'esca in fase di ripartenza dal fondo con scatti velocissimi ed evoluzioni irregolari; jerkate lunghe invece restituiscono un andamento più regolare ma assimilabile agli ultimi scatti di un pesce in fin di vita; ideale da praticare nella fase finale del recupero.

L'elevatissima lanciabilità di questo jig in relazione al peso, completa le caratteristiche che possono definirlo come un pezzo essenziale nelle scatolette di ogni ''pescatore di scogliera'' e non solo. 

Andrea Giardina